Giro Campotosto - Bed Breakfast Camere Aurora - Poggio Picenze - L'Aquila

Vai ai contenuti

Menu principale:


Giro turistico del lago di Campotosto attraversando il Parco Nazionale del Gran Sasso
vedilo su Google Maps
Comuni e località interessate: Assergi - San Pietro della Ienca - Lago di Campotosto - Campotosto - Poggio cancelli frazione di Campotosto - Mascioni - Capitignano - Montereale - Pizzoli.

Distanza totale percorso circolare: circa 130 km

Si parte dalla struttura. Ci si immette nella S.S. 17 direzione L'Aquila. Prendere indicazioni direzione Paganica e poi Assergi. Arrivati ad Assergi, proseguire oltre fino a giungere ad un bivio direzione San Pietro della Ienca - Campotosto fino a giungere a San Pietro della Ienca.

   
San Pietro della Ienca è un borgo disabitato posto nella valle del Vasto, sotto il massiccio del Gran Sasso d'Italia, nel territorio comunale dell'AquilaSan Pietro della Ienca è situato nella valle del Vasto, che si estende lungo la fascia pedemontana del Gran Sasso d'Italia, tra il passo delle Capannelle ad ovest e Assergi a est; è posto su di un colle a 1166 metri s.l.m. sul versante meridionale dei monti Franco e Ienca, da cui il nome, in posizione dominante sul rio Vasto che attraversa l'intera vallata.

ll paese si compone di pochissime abitazioni in pietra, un tempo antiche dimore di pastori che pascolavano il loro bestiame sui prati di alta quota, che circondano una bellissima chiesetta, anch'essa in pietra, denominata oramai la "Chiesetta del Papa". Essa, infatti, spesse volte accolse Papa Wojtyla, che amava pregare tra queste montagne e, proprio per questo, è stata consacrata la chiesa di San Pietro della Iencaattualmente nota come santuario ufficiale di papa Giovanni Paolo II.

Da San Pietro proseguire direzione Campotosto - lago di Campotosto.

Campotosto  è un comune italiano dell'alta provincia dell'Aquila, in Abruzzo, situato a 1 420 m s.l.m., uno dei centri abitati più elevati dell'Appennino.
   

Il Comune di Campotosto, diviso in 4 frazioni (Campotosto Capoluogo, Mascioni, Poggio Cancelli ed Ortolano) e offre un suggestivo paesaggio incontaminato.

Il lago di Campotosto è il più grande lago artificiale d'Abruzzo ed è il secondo d'Europa, tra il versante settentrionale del Gran Sasso d'Italia, quello occidentale dei Monti della Laga ed i Monti dell'Alto Aterno.
Posto ad un'altitudine di 1.313 m s.l.m., con una superficie di 1400 ettari ed una profondità massima compresa tra i 30 e i 35 metri

Il lago, interamente compreso nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, è meta di sportivi e turisti soprattutto nella stagione estiva.
L'attrazione principale è il lungolago che si estende per poco più di 40 km e consente il collegamento tra i vari centri abitati; essendo pressoché pianeggiante, si presta bene al cicloturismo. Altre attività frequenti sono il footing, il trekking e soprattutto l'equitazione, quest'ultima ben sviluppata grazie all'inserimento di Campotosto nell'itinerario dell'ippovia del Gran Sasso per un totale di circa 300 km attrezzati. In acqua è anche possibile fare windsurf, kitesurf, e kayak. Il perimetro del lago in acqua è di circa 30 km.
La zona è inoltre rinomata per alcune eccellenze gastronomiche, tra cui la mortadella di Campotosto.

Da Campotosto proseguire direzione Poggio Cancelli - Mascioni - Capitignano

Capitignano rientra nel territorio del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, costituendone di fatto una delle porte di accesso nella sua parte nord-occidentale, e della riserva naturale del Lago di Campotosto, in virtù della presenza dell'omonimo lago.
   
Capitignano è posto ai piedi di uno sperone roccioso a margine della piana dell'Alto Aterno, circondata dai Monti dell'Alto Aterno, ad oltre 900 metri di altitudine e stretto tra il massiccio dei Monti della Laga a nord-est e del Gran Sasso d'Italia a sud-est, allungandosi in parte ad ovest sull'adiacente piana di Montereale.

Sito sul margine orientale della Conca di Montereale, è composto da numerose frazioni le cui localizzazioni sono state condizionate dalla presenza di sorgenti e corsi d'acqua. Il territorio comunale offre numerose possibilità al turista: sentieri per il trekking a cavallo, percorsi per mountain bike, piste per sci da fondo, ecc..

Da Capitignado prendere direzione Montereale


Il territorio di Montereale è particolarmente ricco d'acqua; qui nasce l'Aterno, il principale fiume d'Abruzzo, mentre nelle vicinanze sono anche le sorgenti del Tronto e del Velino. A poca distanza dal confine comunale è infine situato il lago di Campotosto.
   
Il centro abitato di Montereale è posto "a cavallo" del crinale di un colle. È composto da numerose frazioni, dette Ville, sparse nell'esteso territorio comunale. Il centro principale è situato su un colle posto a circa 948 metri s.l.m. in posizione dominante sulla vallata circostante, a sua volta circondata dai Monti dell'Alto Aterno, dai Monti della Laga e, parzialmente, dal massiccio del Gran Sasso d'Italia.


Da Montereale prendere direzione Pizzoli

Il comune di Pizzoli è situato nell'entroterra abruzzese, nella conca aquilana , tra il fiume Aterno a ovest ed il Gran Sasso d'Italia ad est.

    
È circondato per tre quarti dal territorio comunale dell'Aquila, città a cui è congiunto da legami di natura sociale e storica, mentre ad ovest confina con il comune di Barete ed a nord tocca i territori comunali di Capitignano e Montereale. Il suo territorio fa parte, per metà, del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Il paesaggio ha una conformazione prevalentemente montana con monti aspri per lo più composti da pareti calcare dove alla vegetazione originaria, fatta di querceti e faggeti, si è aggiunta negli anni '40 e '90 vasti rimboscamenti a pino nero. Lungo tutto il territorio vi sono molte zone panoramiche e di grande pregio paesaggistico.

Da Pizzoli prendere direzione L'Aquila fino a tornare in struttura.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu