Cascate Abruzzesi - Bed Breakfast Camere Aurora - Poggio Picenze - L' Aquila

Vai ai contenuti

Menu principale:





La forza e la bellezza della natura racchiuse in poderosi salti d’acqua, l’impatto e lo scroscio che ne consegue lasciano spesso lo spettatore meravigliato. Stiamo parlando delle cascate

L’Abruzzo con i suoi parchi distribuiti sul territorio, ha, tra le sue meraviglie, vari punti naturali in cui si originano spettacolari cascate che meritano di essere viste almeno una volta.  Tra queste segnaliamo:

Le cascate di San Giovanni si trovano sul versante chietino del Parco nazionale della Majella, non lontano da Guardiagrele, uno dei borghi più belli d'Italia. In un ambiente suggestivo e ricco di vegetazione,a quota 975 slm, il torrente Vesola compie due poderosi salti - uno di 35 mt  e l'altro di 15 mt.- che costituiscono le Cascate di San Giovanni.

Le sorgenti del Ruzzo costituiscono il caput fluminis del torrente omonimo, sul versante adriatico del Gran Sasso d’Italia. E’ formato da tre grandi sorgenti: la Fossaceca (m.1497), le Piscine, formate da 13 sorgive, e il Peschio, formato da 6 sorgive.

Il vallone è profondamente inciso nel massiccio calcareo ed ha sponde dirupate a picco o a strapiombo profonde in alcuni punti oltre 150 metri. L’alveo del torrente corre incassato fra grandi voragini ed ha in vari punti enormi salti, che formano cascate pittoresche come i Salti delle Coste Baroni, del Mescatore e di Vena Roscia.

Le Cascate del Verde sono le Cascate Naturali più alte d’ Italia, vengono formate da un triplice salto che complessivamente misura 200 metri. Si possono ammirare nella loro forma e nella loro bellezza durante tutto l’arco dell’anno. La portata dell'acqua varia a seconda delle stagioni e a seconda degli anni (se piovosi o se secchi).

Situata sul versante orientale del Monti della Laga, nell’omonimo Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, la Cascata della Morricana è una delle più belle e conosciute di tutto il massiccio della Laga.

La cascata del Vitello d’Oro è una tappa obbligatoria per chi gironzola tra un trekking ed un picnic, alla scoperta delle montagne d’Abruzzo. Siamo nel cuore di Farindola, nella Val d’Angri, in provincia di Pescara. Se alziamo la testa, capiamo subito di essere ai piedi del Gran Sasso, tra case e sentieri per la famiglia, tra contrade e gente d’Abruzzo sorridente.

La Cascata del Caccamo si trova nel comune di Ripa di Civitella del Tronto e prende il nome da “lu caccheme” ovvero dalla sua forma di un pentolone. Si tratta dell’unica cascata all’interno delle Gole del Salinello con un’altezza di 35 metri. Le acque scorrono in una fenditura nella roccia e si immettono in un torrente sottostante con acque limpide e fredde che continuano in un suggestivo canyon. Lungo il percorso per raggiungere la cascata è consigliabile una sosta nella Grotta di Sant’Angelo, in tempi antichi meta di pellegrinaggi in onore di San Michele Arcangelo.

La Cascata di Cusano, in Abruzzo, è una cascata definita da molti paradisiaca che si trova nel cuore del Parco della Majella  nelle vicinanze delle località di Cusano e Abbateggio. Non sono molto distanti da raggiungere, ma il percorso non è affatto semplice. Prima di tutto per la mancanza di un sentiero ufficiale e segnato

 
Torna ai contenuti | Torna al menu